martedì 9 settembre 2014

L’INFORMAZIONE SECONDO IL M5S



Torna ad attaccare la Rai il Movimento 5 Stelle e lo fa, questa volta, con una lettera indirizzata alla presidente di viale Mazzini Anna Maria Tarantola e firmata da due parlamentari membri della Commissione di Vigilanza Rai: Dalila Nesci ed Alberto Airola. Lettera che è stata postata e resa pubblica attraverso il blog di Beppe Grillo. 
Tema delle protesta grilline un servizio del Tg1 sull'intervento del guru del Movimento Gianroberto Casaleggio al forum Ambrosetti a Cernobbio. Un servizio che secondo i due firmatari appare caratterizzato da "approssimazione, superficialità, partigianeria e strumentalizzazione".
Nesci ed Airola scrivono poi che "la giornalista ha bistrattato l’intervento di Casaleggio, omettendone i punti salienti e insinuando, invece, una possibile subordinazione 'all’élite della finanza italiana, quella tante volte finita nel mirino di Grillo'. Oltretutto, delle proposte formulate nella circostanza da Casaleggio, co-fondatore del Movimento Cinque Stelle, non vi è traccia nel servizio di Mazzola". 

Spiegate le ragioni della loro protesta, i due parlamentari grillini chiedono alla Tarantola "quali azioni intenda assumere, pur nel rispetto dell’autonomia che contraddistingue l’attività giornalistica, al fine di assicurare un oggettivo e doveroso rimedio, in proposito, sul piano della cronaca giornalistica. Quali azioni intenda promuovere per assicurare che sulle proposte del Movimento Cinque Stelle e di ogni altra forza politica non vi siano semplificazioni od omissioni da parte del servizio pubblico, ma la mera cronaca obiettiva dei fatti". Ed infine, "quali azioni intenda assumere affinché venga garantita al cittadino una maggiore obiettività dell’informazione, al fine di assicurare 'lo sviluppo del senso critico, civile ed etico della collettività nazionale, nel rispetto del diritto/dovere di cronaca, della verità dei fatti e del diritto dei cittadini ad essere informati', secondo quanto previsto dal Testo unico dei servizi di media audiovisivi".


mader