martedì 16 settembre 2014

GLI EURODEPUTATI 5 STELLE SI TENGONO TUTTO LO STIPENDIO



Volevano evitare la guerra degli scontrini almeno in Europa, Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. Dopo le liti sulla diaria da restituire – “abbiamo un problema di cresta”, aveva confessato il fondatore sul blog – per Bruxelles e Strasburgo si era deciso di fare diversamente. I 17 parlamentari europei del Movimento – a differenza di deputati e senatori grillini – possono tenersi i loro stipendi.

Guadagnano 8000 euro lordi al mese, più 304 al giorno di diaria (quando sono nelle sedi europee), e 4299 per le spese generali (telefono, computer, attività degli uffici). Oltre, ovviamente, ai rimborsi per le spese di viaggio. Il totale oscilla tre i 17 mila e i 19 mila euro al mese. Cui si aggiungono i 21200 del fondo che serve loro ad assumere 6 collaboratori, 3 in Italia e 3 a Bruxelles, gestito direttamente dal Parlamento europeo.

E però, il regolamento che hanno firmato per potersi candidare qualche richiesta la faceva: affidare la comunicazione a un gruppo di lavoro scelto dalla Casaleggio Associati (quello guidato da Claudio Messora), pagarne gli stipendi attraverso il fondo per i collaboratori (ognuno dei 17 parlamentari ha assunto 2 persone). Infine, devolvere 1000 euro per il funzionamento di quel gruppo.

È qui che il meccanismo si è inceppato. Finora quei soldi non sono arrivati, con grande irritazione degli uomini di Casaleggio inviati a Bruxelles. I parlamentari si sono insediati il primo luglio, i collaboratori sono stati assunti, ma del fondo da creare per la comunicazione neanche l’ombra. Anzi. “il 12 agosto gli eurodeputati sono andati a chiedere la testa di Messora”, racconta chi ha parlato con lo staff. 

Ignazio Corrao, trentenne di Palermo, capogruppo dei 5 stelle nella delegazione che condividono col l’Ukip di Nigel Farage, la spiega diversamente: “le nostre indennità sono più basse di quelle italiane, e calcolate in modo diverso. Dobbiamo solo trovare un modo di donare questi soldi senza che qualche strano organismo tra 5 anni venga a chiederci la restituzione di migliaia di euro. Non è facile…”

mader

Annalisa Cuzzocrea, articolo completo su la Repubblica